logo_def
Logo_spacer
Logo_spacer
Siamo associati a:
Logo_ATF_new
Logo_FITA
Logo_UILT
Logo_spacer
Con il patrocinio di:
Logo_comune_porpetto
Logo_parrocchia
Logo_comitato_festeggiamenti
Logo_spacer
testo_def

 

   Benvenuti nella Home Page del nostro sito!

 

Il gruppo teatrale “Vecjo Friûl”, sorto nel 1968 su iniziativa della Parrocchia di San Vincenzo Martire di Porpetto, è formato da giovani e adulti che uniti da un’unica passione, traducono nella realtà progetti collettivi aventi lo scopo di valorizzare, attraverso l’arte drammatica, la cultura locale e friulana.

 

Il nostro gruppo, da più di quarant’anni, organizza e gestisce in paese il teatro sinergico, la cui vita in teatro vuole che l’autore dello spettacolo venga accompagnato dal comune impegno inventivo e creativo di tutti gli operatori del gruppo, in quanto tutti sono coinvolti nella creazione dell’opera d’arte.

 

L’attività svolta ed i programmi in fase di progettazione, prevedono la realizzazione di rappresentazioni aventi lo scopo di educare le persone al teatro d’insieme, invitandole alla socialità, alla collaborazione ed al lavoro di gruppo.

 

Il gruppo teatrale offre così a tutte le persone che amano e vogliono fare teatro… “la concreta occasione di esprimere ciascuno, al massimo, le proprie capacità ideative, inventive e creative; ciascuno la ricchezza della propria individualità; a tutti la gioia di scoprire il valore e la bellezza del comune impegno creativo…”.

 

 

 

 

In questi anni il “Vecjo Friûl” ha allestito e rappresentato le seguenti opere:

Il test di sar Pieri Catùs” e “Il Canocjal de contesse” di Giuseppe Marioni;

La buteghe dal barbîr” e “Ursule” di Pieri Somede dai Marcs;

Trapulis” e “Adio sopis cu lis tripis” di Anute Fabris;

El palisson dal martar” e “L’autor” di Costantino Smaniotto;

Severin”, “Napoleons tal Cormor”, “L’anel” e “L’ingherdei” di Guido Michelutti;

Lis fuessis da striis”, “Une sblancjade di Pasche” e “Un conciart di bande” di Maria Gioitti del Monaco;

Ta malghe di Faustìn”, “Savoia”, “Il miedi miracolôs, il mestri cjazadôr e le femine….” e “Il piturùt di Ravjei” di Primo Degano;

L’ultin perdòn” di Renato Appi;

I purcinei” di Arturo Feruglio;

Plomp e nivèl” di Alviero Negro;

Pierbattista il trasformista” di Franco Roberto (vedi descrizione);

La vigjlese” di Primo Degano (vedi descrizione);

“Napoleons tal Cormor” di Guido Michelutti (vedi descrizione).

 

In cartellone:

“L’Ereditât” di Valerio Di Piramo (vedi descrizione)